Bombe nel Caucaso, dodici le vittime

Due bombe sono esplose a Kizliar, nel Daghestan ai confini con la Cecenia, nel turbolento Caucaso del Nord. Il bilancio è di almeno dodici vittime e 23 feriti (tra i quali 18 poliziotti). La prima esplosione, della potenza di 200 kg di tritolo, è avvenuta vicino a un cinema quando una pattuglia della polizia ha inseguito e fermato per una infrazione stradale un’auto, il cui conducente si è lasciato poi esplodere causando le prime due vittime a 300 metri di distanza dalla sede della polizia e dell’ufficio locale dei servizi segreti (Fsb). Dopo 20 minuti un altro kamikaze travestito da poliziotto è spuntato all’improvviso tra gli agenti che erano accorsi nel luogo del primo attentato e si è fatto esplodere lasciando un cratere di diversi metri di profondità. Il secondo attentatore è stato identificato come un abitante locale.

 

METRÒ MOSCA – Lunedì due donne kamikaze si erano invece fatte esplodere sulla metropolitana causando la morte di 39 persone. Secondo le autorità le attentatrici sono legate proprio a movimenti ribelli del Caucaso settentrionale, ma la radio georgiana in lingua russa ha diffuso una registrazione attribuita a Doku Umarov, nella quale il leader dei ribelli del Caucaso del Nord accusa i servizi segreti russi di esservi implicati negli attentati di Mosca. Lo riferiscono i siti Lenta.ru e Newsrucom. In un messaggio diffuso il 14 febbraio lo stesso Umarov invece minacciava di portare la guerra «nelle case dei russi». Martedì il segretario del Consiglio di sicurezza nazionale Nikolai Patrushev, ex capo dell’Fsb, non aveva escluso una pista georgiana.

IL MONITO DI PUTIN – Lo stesso premier russo Vladimir Putin non esclude che gli ultimi due agguati siano stati commessi dallo stesso gruppo responsabile degli attentati alla metrò di Mosca. Il timore, come spiega il corrispondente del Corriere della Sera da Mosca, Fabrizio Dragosei, è che ci si trovi ora a dover fare i conti un’escalation di violenza

Bombe nel Caucaso, dodici le vittimeultima modifica: 2010-03-31T13:34:27+00:00da guyfaux
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento